Steven Andrew

Steven Andrew

Steven Andrew è entrato in M&G nel 2005 come membro del team portfolio construction & risk, per poi passare al team Multi-Asset, dove ha contribuito alla formulazione delle strategie di asset allocation della gamma di fondi multi-asset di M&G. A novembre 2010, è stato nominato gestore del fodno M&G Episode Income Fund. In precedenza, ha lavorato presso F&C Asset Management, Merrill Lynch e la Banca di Inghilterra. Si è laureato in economia della finanza presso l’Università di Londra nel 1997.

Istantanea di Episode Blog: Il rinvio del voto sulla Brexit e la sfida per la leadership in Regno Unito

Angolo di rumore

C’è stato un certo clamore sull’argomento preferito da tutti riguardo al Regno Unito: la Brexit e la politica sono tornati agli onori della cronaca.

Dopo tutto quello che è stato detto e scritto, mi è sembrato utile riassumere (brevemente) come arriviamo a formarci un’opinione su questi temi e come… Leggi l'articolo

Il risultato delle elezioni nel Regno Unito – Stabilità, rumore e trattative sulla Brexit

Come se l’incertezza politica non fosse già abbastanza, la decisione di Theresa May di indire elezioni anticipate con l’obiettivo di ottenere maggiore stabilità di governo ha prodotto un risultato diametralmente opposto.

L’esito del voto, per quanto sorprendente rispetto alle attese di appena qualche settimana fa, sembra ampiamente in linea con… Leggi l'articolo

“Opinione sotto mentite spoglie di conoscenza”: gli investitori devono guardarsi dalle reazioni emotive a Trump

Finanza comportamentale Mercati

Le notizie del fine settimana hanno mostrato ancora una volta le reazioni emotive viscerali generate oggi dalla politica in generale e da Donald Trump in particolare. Non è una coincidenza, quindi, se attualmente gli investitori sono convinti che il comportamento dei prezzi e delle performance nei prossimi anni sarà determinato… Leggi l'articolo

La stabilizzazione del petrolio potrebbe cambiare repentinamente le opinioni di mercato su inflazione e tassi?

Economia

Con la crescita statunitense in buono stato di salute e l’inflazione in aumento, il mercato è decisamente ottimista sui futuri movimenti dei tassi di interesse.  A nostro avviso, è molto poco probabile che l’inflazione presenti un problema per le banche centrali nel breve o medio termine, ma le basi su… Leggi l'articolo